Corso Bioenergetica:
l’Energia Dentro Di Te.

Il Corso Bioenergetica a Brescia, ginnastica finalizzata alla salute e al fitness, proposto da A.S.D. 20 Olistici si basa sulle principali tecniche psicocorporee della bioenergetica – quali la respirazione, specifici esercizi fisici, posizioni e contatti corporei – che, associate a un’analisi psicologica e del carattere, permettono di realizzare il perfetto equilibrio tra corpo e mente. Iscrivendoti al corso di bioenergetica a Brescia di A.S.D. 20 Olistici potrai sciogliere i blocchi energetici e i meccanismi difensivi che si creano sia a livello fisico che psicoemotivo, e che ti impediscono di vivere con gioia e piacere.

Non solo: nel nostro Corso Bioenergetica imparerai alcuni semplici esercizi che ti permetteranno di recuperare le forze e le risorse di cui hai bisogno per sostenerti nei momenti di difficoltà.

Lunedì, Martedì, Giovedi e Sabato

BENEFICI DEL CORSO BIOENERGETICA

Tra i vantaggi dell’Analisi Bioenergetica riscontrerai la sua capacità di coinvolgerti attivamente nell’aiutare te stesso: sarai stimolato a essere soggetto attivo nel cambiamento attraverso esercizi che potrai condurre anche a casa; questi, oltre ad affiancare la tua consapevolezza corporea e quella intellettuale, ti permetteranno di sviluppare una responsabilità per il tuo benessere fisico ed emozionale.

Frequentando il nostro corso di Bioenergetica a Brescia, poi, avrai la possibilità di risolvere le tensioni e scaricare tutte le emozioni che – per vari motivi – non puoi sfogare: questo, in un primo momento, permetterà al dolore a lungo negato di emergere; successivamente, riuscirai a vivere il rilassamento come un piacere.

Come spiegava Lowen, inibire l’espressione fisica di un’emozione può portare alla contrazione dei muscoli coinvolti nel gesto: ecco quindi che, per esempio, inibire la rabbia può irrigidire il bicipite che già si stava contraendo per dare forza all’attacco.

Come si esce, quindi, dalla situazione stressante? È necessario trasformare uno stimolo negativo in una forma di attività, trovando nel contesto sociale dei metodi di attivazione che non siano direttamente indirizzati alla distruzione dello stimolo negativo.

Non possiamo uccidere qualcuno perché ci fa arrabbiare ma, con gli stessi gesti e la stessa intensità ma in modo simbolico, possiamo scaricare lo stress all’interno di un contesto protetto.

Il controllo della salute e del malessere dipende dalla quantità di energia che una persona ha e dal modo in cui il suo corpo la impiega. Chiave del metabolismo energetico è la respirazione, che non dev’essere utilizzata solo come mezzo per liberare i sentimenti: fine reale della terapia bioenergetica, infatti, è sviluppare nel paziente una respirazione più piena e profonda.

Tutte le tensioni Psichiche e Fisiche confluiscono nella formazione della struttura caratteriale di una persona: l’energia, la tensione e il carattere sono interdipendenti, in quanto il complesso delle tensioni controlla la quantità e l’utilizzo dell’energia corporea. Il carattere, quindi, risulta essere la somma totale di tutte le forme di tensione Psichiche e Fisiche e si esprime attraverso l’aspetto e la mobilità del corpo.

Nell’Analisi Bioenergetica sono considerati fondamentali due elementi:

  • La Terra, l’elemento tramite il quale o su cui l’individuo si regge; essa rappresenta la figura materna. Concetto importante nell’Analisi Bioenergetica, infatti, è l’equivalenza fra Madre Terra e Madre Biologica: il modo in cui il paziente sta in piede offre molti indizi in merito ai suoi rapporti con la madre. Un’insicurezza nel rapporto con la madre si traduce in un’insicurezza a reggersi sulle proprie gambe e quindi ad affrontare la vita.
  • L’Aria, e quindi il respiro. Respirare è un gesto attivo e aggressivo: il modo in cui ognuno respira afferma la sua volontà a prendere ciò che gli spetta e gli serve; è identificabile con il principio maschile, associabile quindi al rapporto con il padre. In questo caso, l’utilizzo della voce è un potente strumento di terapia bioenergetica: l’ampiezza e l’intensità della voce trasmettono la misura della personalità.

Negli anni l’Analisi Bioenergetica si è dimostrata particolarmente utile ed efficace per trattare tutti quei disturbi in cui vi è un’alterazione della percezione e della consapevolezza del corpo, tra cui per esempio le fobie ma anche i disturbi dell’alimentazione, della personalità e psicosomatici.

COS’È E COME FUNZIONA LA BIOENERGETICA

La Bioenergetica è un insieme di esercizi corporei che portano profondo rilassamento, consapevolezza del proprio corpo e benessere psico-fisico.

È una attività antistress che combatte ansia, depressione, dolori articolari e muscolari e aumenta notevolmente l’energia corporea, l’elasticità e la vitalità.

Gli esercizi di bioenergetica, svolti sotto la guida di Gianni Pescini e con una sequenzialità precisa, hanno lo scopo di: allentare le tensioni del corpo permettendo di vivere una vita migliore, più sana e con migliore energia. Non solo: essi consentono a chi la pratica di sentire la propria vitalità emotiva e di percepire la vita che scorre nelle proprie membra. Nell’odierna società occidentale il corpo viene concettualizzato e considerato come una vera e propria macchina: grazie agli esercizi di bioenergetica del nostro corso a Brescia è possibile prendersi un momento di contatto profondo con la vitalità presente in se stessi, e questo ha un’importanza fondamentale; diventa un momento in cui sentirsi di nuovo vivi, poter essere un corpo e non ritrovarsi semplicemente ad abitarlo.

L’Analisi Bioenergetica nasce e si sviluppa negli Stati Uniti negli anni ’50 grazie al lavoro di Alexander Lowen, il quale sviluppò il lavoro del maestro Willem Reich (il quale definiva l’Analisi Bioenergetica “Vegetoterapia Analitica del Carattere”).

Alexander Lowen nacque a New York nel 1910. La sua prima occupazione fu l’insegnante di educazione fisica. Successivamente si laureò in legge e più tardi anche in medicina a Ginevra. Nel 1940 ebbe l’occasione di ascoltare dal vivo – presso la New School for Social Research – Reich, il più giovane e brillante allievo del circolo freudiano, distaccatosi poi nei primi anni ’30 in quanto non condivideva la postulazione dell’istinto di morte fatta da Freud. L’incontro con Reich cambiò la vita di Lowen: affascinato dalla sua intelligenza e personalità, infatti, decise di farsi analizzare da lui; successivamente, i due lavorarono insieme fino al 1952, anno in cui – non condividendo le sue ipotesi sull’energia orgonica, Lowen decise di allontanarsi e di articolare in modo più sistematico il fondamentale approccio somatico al problema.

Essere in contatto con il proprio corpo è un principio guida dell’Analisi Bioenergetica. Più una persona è disturbata, minore è il contatto che ha con il proprio corpo. Ecco quindi che il compito dell’Analisi Bioenergetica è permettere all’allievo di recuperare un rapporto sano sano con la propria fisicità, riscoprendo il “terreno su cui si regge”. Tensioni croniche si traducono, infatti, in limitazioni della motilità e quindi dell’espressione di Sé: molti allievi non sono consapevoli del fatto che i loro problemi si manifestano nel corpo fino al momento in cui ciò non viene loro indicato; una volta che si stabilisce questa comprensione, infatti, diventa possibile lavorare con il paziente in modo bioenergetico.

Oggi l’Analisi Bioenergetica viene praticata in molto Paesi: in tutto il mondo esistono 55 centri – affiliati all’International Institute for Bioenergetic Analysis di New York, attivo dal 1956 e autore della rivista clinica “Bioenergetic Analysis” – che offrono corsi di bioenergetica con l’obiettivo di formare professioni qualificati in materia.

In Italia, la Bioenergetica fu introdotta negli anni ’70 grazie a un gruppo di terapeuti di formazione reichiana che nel 1974 fondarono, insieme allo stesso Lowen, la prima Società Italiana di Analisi Bioenergetica (S.I.A.B).

Oggi la S.I.A.B. è una delle società più importanti a livello europeo sia per i progetti formativi proposti che per numero di soci. Essa, in particolare, propone: corsi di bioenergetica per medici e psicologici; corsi di counseling bioenergetico; corsi di formazione per operatori al parto e di psicologia dello sport; conferenze, seminari e classi di esercizi di bioenergetica.

CHI TIENE IL CORSO

Gianni Pescini

Musicista e Conduttore di Classe di Esercizi di Bioenergetica

Da oltre 20 anni si occupa di ricerca psico-corporea nell’ambito del Teatro, della Biodanza e del Massaggio. È diplomato IPSO (Istituto di Psicologia Somato-Relazione) come Conduttore di Classe di Esercizi di Bioenergetica ed è in formazione per diventare Counselor Somato-Relazionale.